Il Palazzo Achilli
l Palazzo Achilli ubicato in posizione dominante, fu' costruito nella seconda meta' del 500 dal Principe di Piombino Ludovico Appiani.

Verso la meta' del '700 si trasferisce da Roma Filippo Achilli ricco commerciante di formaggi che acquista, per sua dimora il Palazzo. Dato il cattivo stato di conservazione in cui versa la costruzione si rendono necessari pesanti interventi di ricostruzione.

L'Achilli ricostrui' la parte centrale e durante i lavori di ricostruzione furono rinvenuti dei denari che coprirono interamente il costo della ristrutturazione.

Alla morte di Filippo Achilli il palazzo venne ereditato dal figlio Domenico distintosi come gran benefattore di Gavinana.

Appassionato di arte e teatro fece costruire quello che nella tradizione popolare e stato tramandato come "Il Teatrino" luogo in cui la compagnia teatrale del paese teneva le sue recite.

Il 3 Febbraio 1845, data della sua morte, viene costituito, per volonta' testamentale, un fondo in cui confluiscono il Palazzo e gli altri suoi cospicui averi. Il fondo con la costituzione del Regno d'Italia prese il nome di "Opera Pia Achilli" Il Palazzo dagli inizi del 1900 ha ospitato le Suore Crocifissine dove vi gestivano un asilo.

Nel 1977 l'immobile, donato dall' Achilli al "Popolo di Gavinana" passa al comune che lo da in comodato alla Provincia di Pistoia nel 1996.

Il Palazzo e' attualmente soggetto a lavori di restauro (lavori iniziati ad Aprile 2002), in attesa di essere destinato a Punto Informativo dell'Ecomuseo della Montagna Pistoiese.